Libellule600x500

L’Empty Book del 2015

Nella simbologia delle Case, se la prima e la seconda rappresentano la sicurezza dell’ambiente noto e la visibilità di posti ben illuminati, l’Ottava Casa rappresenta l’oscuro, il nascosto, ma anche il germoglio del nuovo. Ci si addentra in territori ignoti, e lo si fa per ambizione di potere o di denaro, per curiosità, o anche spinti da passioni, talvolta sessuali, spesso intese come negative dal senso comune. Ecco quindi che nell’Ottava Casa si compiono delitti, truffe, sopraffazioni. Oppure ci si reca per cercare le ragioni recondite delle proprie inconfessate ipocondrie, delle proprie paure inconfessabili, per capire la morte.

Il nostro Empty Book, ormai alla terza edizione, quest’anno vuole esplorare proprio questi aspetti dell’animo umano, questo lato in ombra che tutti abbiamo e del quale un po’ ci vergogniamo.

Se vi piace scrivere, disegnare, fantasticare di notti e delitti, di ombre e illusioni, di strade sotto la pioggia, di segreti murati sotto i pavimenti, insomma se vi piace il giallo e il noir ecco una buona occasione.


Parlando di cose pratiche, ora che il genere del libro è stato chiarito, vi invitiamo a compilare il form che trovate nella pagina di presentazione dell’iniziativa Empty Book e a caricare il vostro pezzo, anche in forma provvisoria: racconto, poesia, tavola grafica, storia a fumetti. Scrivete o tirate fuori dal cassetto il vostro lavoro, senza preoccuparvi per ora che sia “perfetto”: se ci piace vi aiutiamo noi a metterlo meglio, a farlo diventare un dente dell’ingranaggio cigolante che permetterà di aprire il cancello dell’Ottava Casa.

Abbiamo previsto come per le altre volte un volume di massimo 250 pagine che accoglierà i contributi prescelti, e verrà messo in vendita secondo i comuni canali della distribuzione libraria. Ogni autore pubblicato riceverà una copia omaggio e potrà godere di un forte sconto sulle eventuali altre copie che vorrà acquistare.

Due raccomandazioni: ricordatevi che il termine di presentazione dei lavori è la fine di febbraio, e che vorremmo ricevere lavori originali, niente copia-incolla di vecchie cose trovate in giro.

Dai un’occhiata alle edizioni degli anni scorsi: Racconti della RagnatelaRacconti in Cucina

Buon lavoro!

Lo staff di Xedizioni

Commenti