Pensiamo che non si possa iniziare una collana al femminile, dedicata alle donne che hanno cambiato la vita delle Donne, senza dedicare il primo numero a Sibilla Aleramo. Una donna è stato pubblicato da diversi editori nel corso di un secolo dalla prima edizione (1907), e non c’è alcun dubbio che ancora oggi riveli una forza eversiva, ancora difficile da accettare per il senso comune.

Si potrebbe dire che si tratta di un romanzo autobiografico avente come nucleo centrale la maternità. Oppure si può leggerlo come il resoconto di vita di una delle prime vere femministe militanti italiane, decisa a non farsi ingabbiare dai ricatti e dalle violenze di una società maschilista e familista. Ci si può stupire di come appaia dura, a tratti implacabile la protagonista, ma si tratta di una coerenza intellettuale di cui ancora oggi sono rari gli esempi.

biancaneve

Illustrazione e lettering di Enrica Massidda

 

 

Sibilla Aleramo ha lasciato un’enorme eredità di scritti, appunti, lettere, diari, ritagli di giornali tutti annotati e catalogati meticolosamente. Questo patrimonio, insieme con i suoi libri, costituisce un archivio che fu donato alla Fondazione Gramsci prima della morte della scrittrice. Lo scopo dichiarato era quello di permetterne la divulgazione, la ricerca e la conservazione attraverso un’istituzione culturale non commerciale.

Con questo spirito di conservazione e divulgazione rendiamo disponibile questa edizione economica del suo primo romanzo, basata sul testo distribuito attraverso il progetto Gutenberg, rieditato e impaginato in questo formato tascabile, con la convinzione che possa ancora essere un aiuto, un apripista per la consapevolezza del ruolo femminile nella società.

Per l’immagine di copertina è stata realizzata un’illustrazione che interpreta Biancaneve come metafora della sottomissione e fragilità della figura femminile nelle fiabe e nella cultura popolare. 

(In catalogo)

mockupcover

Mock up Cover

 

Commenti